Beauty

KESTER BLACK: smalti vegani e cruelty free

Imprenditoria femminile.

Scusate, avete detto imprenditoria femminile?

Eccoci!!!! Presenti!

Quando si parla di questo argomento, siamo sempre in prima linea!

Oggi parliamo di Anna Ross e del suo Kester Black.

Il suo impegno? Riscrivere gli standard del settore dei cosmetici etici.

Come lo sta facendo? Realizzando prodotti di alta qualità con un’impronta sociale ed ambientale positiva. I loro prodotti sono i primi al mondo ad ottenere una vasta gamma di accreditamenti come Choose Cruelty Free, International Cruelty Free, Vegan Society, Australian Made e B Corporation.

Inoltre, Anna Ross ha mantenuto una promessa davvero ammirevole: ogni anno dona il 2% delle entrate, incluse le donazioni in natura alle associazioni di beneficenza registrate.

Dopo questa presentazione voglio raccontare, a tutte le donne e a tutte le ragazze, come è nato il suo business, diventando uno dei principali marchi australiani di manicure e cura della pelle.

La sua creatività l’ha portata a creare dei gioielli molto apprezzati in città. Poteva accontentarsi, il suo sogno però non era ancora completo! Ha aggiunto ai gioielli un tocco glamour, andando ad inserire delle pennellate di colore alle sue creazioni.

Indovinate con cosa? Ragazzi, proprio con degli smalti per unghie. Da qui nasce la sua passione per il mondo degli smalti e della cura del corpo (principalmente delle mani,ovviamente).

All’inizio crea una collezione di 6 smalti per poi diventare il suo progetto principale.

Cosa la differenziava dai suoi competitor? Tutti gli smalti erano vegani e cruelty free.

Tuttora, mantiene queste prerogative nei suoi smalti e ne fa un punto di forza ed orgoglio.

Prima di passare alle review dei prodotti che ho utilizzato in questo mese e mezzo, ci tengo a parlarvi di una delle innumerevoli certificazioni di Kester Black, quella che più mi ha colpito: la 10 – free. In cosa consiste? Le formulazioni sono prive di ingredienti chimici tossici come la formaldeide, il toluene, il DBP, la canfora, le resine di formaldeide, lo xylene, i parabeni, i profumi e gli ftalati.

Comunque, ragazzi, quest’azienda ha talmente tante certificazioni che se dovessi elencarle tutte potrei tranquillamente scrivere la divina commedia! Pertanto invito chi fosse interessato a curiosare sul sito di Giada Distribition.

Adesso passiamo alla descrizione della fase testing.

Ho utilizzato due prodotti per la cura delle unghie.

1- Cuticle Remover

È un gel nutriente a base d’acqua che contiene particelle esfolianti di cera idratante, eucalipto e attivi di lavanda. Basta massaggiare il rimuovi cuticole su unghie e cuticole per aiutare a rimuovere le cuticole e le cellule morte trascurate e secche. Questo trattamento mi ha aiutato tantissimo dopo la rimozione del semipermanente per dare alle mie unghie una finitura uniforme e liscia. Inoltre, la sua proprietà idratante aiuta a mantenere l’elasticità di pelle e cuticole.

2- Almond cuticle oil (olio idratante alla mandorla)

Oltre ad utilizzarlo per ammorbidire le cuticole, l’ho utilizzato anche per rigenerare le mie unghie dopo mesi e mesi di semipermanente. Ricco di olio di jojoba, olio di mandorle dolci e olio di avocado ha davvero cambiato l’aspetto delle mie unghie rigenerandole e rinforzandole! Davvero una medicina per le unghie danneggiate o fragili.

Bene, vi ho illustrato una realtà davvero strepitosa che produce prodotti di altissima qualità che mantengono ciò che promettono.

E voi da 1 a 10 quanto apprezzate l’attenzione agli ingredienti nella formulazione degli smalti? E l’imprenditoria femminile?

Bcs Crew

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *